PUBBLICARE OGGI

COSA VUOL DIRE PUBBLICARE UN LIBRO?

Molti autori sostengono di scrivere per sé, questo è discretamente vero nella maggior parte dei casi, quando però si arriva alla parola ‘fine’ e si ha tra le mani (o ancora virtuale nelle cartelle del proprio computer) la propria creatura, il proprio libro, frutto di lavoro, fatica, fantasia, stupore… A quel punto nasce l’esigenza, un richiamo potente, di far leggere quel testo a qualcuno. Di renderlo pubblico.

L’EDITORIA…UN TEMPO..

Un tempo l’editoria era qualcosa di estremamente prezioso. Uno scrittore iniziava a far conoscere le sue opere scrivendo qualcosa, per esempio, per i quotidiani locali, piccole storie a puntate o qualche racconto, una poesia. E poi il manoscritto (realmente scritto a mano) veniva presentato a un editore, due, tre… C’era una selezione molto rigida perché ogni libro era un investimento di oneri e onori. Rischi e possibilità erano tutti inseriti in quei fogli di carta. Essere scelti da un editore era quindi qualcosa di grandioso e prestigioso.

E in questo retaggio siamo cresciuti. Si ha questo mito, anche un po’ romantico, di essere scelti, selezionati e vedere realizzato il proprio sogno di vedere la propria opera pubblicata e diffusa.

Questo accadeva quando gli editori erano pochi, gli scrittori erano pochi e anche i libri erano pochi.

OGGI LE COSE SONO CAMBIATE..

Ogni anno vengono pubblicati milioni di testi in tutto il mondo. È cresciuto il numero di editori, di scrittori, anche quello dei lettori, anche se è un numero ancora troppo basso rispetto all’offerta di mercato. E così ogni libro è una goccia nel mare.

Pubblicare oggi, quindi, non è questione di fortuna o occasione piovuta dal cielo. E non è nemmeno, purtroppo, frutto solamente di volontà e buon lavoro. È, o meglio, deve essere un’azione consapevole. Non è più possibile ignorare come si muove il mercato e quali sono i meccanismi che ci sono dietro.

QUALI SONO OGGI LE PRINCIPALI POSSIBILITA’ DI COMUNICAZIONE?

L’Autore che approccia oggigiorno il mondo dell’editoria ha di fronte 3 semplici direzioni:

 

  1. Grandi o piccole case editrici
  2. Stamperie professionali
  3. Autopubblicazione (Self-Publishing)

  4. CONTINUA per scoprire vantaggi e svantaggi dell’odierna editoria